LE ERE GEOLOGICHE, classe terza. I dinosauri

Classe: terza

Disciplina: storia

Traguardi per lo sviluppo di competenze traguardi

L’alunno riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita.

Obiettivi di apprendimento obiettivo

Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneità, durate, periodi, cicli temporali, mutamenti, in fenomeni ed esperienze vissute e narrate.

Organizzare le conoscenze acquisite in semplici schemi temporali.

Individuare analogie e differenze attraverso il confronto tra quadri storico-sociali diversi, lontani nello spazio e nel tempo.

Collegamenti disciplinari

Scienze scienza

L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere.
Riconosce le principali caratteristiche e i modi di vivere di organismi animali e vegetali.
Italiano italiano

Utilizza abilità funzionali allo studio: individua nei testi scritti informazioni utili per l’apprendimento di un argomento dato e le mette in relazione; le sintetizza, in funzione anche dell’esposizione orale; acquisisce un primo nucleo di terminologia specifica.
Geografia geografia

Localizzare le regioni fisiche principali e i grandi caratteri dei diversi continenti e degli oceani.

Arte-immagine arte-immagine

L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi, pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali).
Strategie didattichegrafico-a-torta

brainstorming, lavoro a gruppi, flipped classroom

Le ere geologiche sono intervalli di tempo in cui è suddiviso il periodo che intercorre dalla formazione della crosta terrestre fino ad oggi. L’inizio e la fine di ognuna di esse è caratterizzato da grandi avvenimenti che riguardano i cambiamenti geologici o quelli dei viventi. Si distinguono cinque ere geologiche:

L’EONE ARCAICO O PRECAMBRIANO
ERA PRIMARIA O PALEOZOICA(vita antica)
ERA SECONDARIA o MESOZOICA(vita intermedia)
ERA TERZIARIA O CENOZOICA(vita recente)
IL PERIODO QUATERNARIO O NEOZOICO

ere.png

Era arcaica – da 5 miliardi a 600 milioni di anni fa

Nell’era arcaica, che dura 4 miliardi di anni, si formarono nell’acqua i primi organismi unicellulari che erano molto semplici e microscopici.

Alcuni di questi organismi si unirono, dando vita a forme pluricellulari,  in grado di produrre ossigeno, che dall’acqua passò all’aria. Grazie a questi piccoli organismi iniziò a formarsi l’atmosfera, condizione indispensabile per permettere la vita sulla terra.1-copia

Era primaria o paleozoica – da 600 milioni a 250 milioni di anni fa

L’evoluzione della vita nel mare aveva portato alla nascita di invertebrati come spugne, stelle marine, meduse e ricci. Sul fondo del mare vivevano i trilobiti, animali dotati di una spessa corazza che, in molti casi, si è fossilizzata, diventando strumento di conoscenza e di studio.
L’arrivo dei primi pesci vertebrati è successivo, in molti casi si trattava di pesci di grandi dimensioni. Sulla terraferma si diffondono le prime piante, muschi, licheni e felci, seguite dagli alberi che si svilupparono in altezza.
Le piante che producevano ossigeno formarono l’atmosfera,  rendendo la Terra sempre più vivibile, convinse i primi animali a uscire dall’acqua per ambientarsi anche sulla terraferma. Si trattava degli anfibi, animali con la “doppia vita”, in grado di vivere dentro e fuori dall’acqua.

2-copia
Era secondaria o mesozoica – da 250 milioni a 70 milioni di anni fa
Nell’era secondaria avvennero grandi trasformazioni sulla terra, la vegetazione ormai lussureggiava e l’ossigeno era ormai elemento naturale nell’aria. Gli anfibi si evolsero nei rettili, come lucertole, coccodrilli, serpenti e anche dinosauri, che iniziarono a depositare le proprie uova fuori dall’acqua.
Accanto ai grandi dinosauri, nell’era secondaria, iniziarono a comparire, timidamente, anche i primi piccoli mammiferi; i primi erano non più grandi di un topo.3-copia
Era terziaria o cenozoica – da 70 milioni a 2 milioni di anni fa
Fu nell’era terziaria che i dinosauri si estinsero definitivamente, lasciando il posto sulla terra ai mammiferi che si adattarono alle nuove condizioni climatiche e si distribuirono su tutti i territori.
I mammiferi nell’era terziaria assunsero sempre più le sembianze fisiche di quelli che oggi conosciamo, comparvero i cavalli, i cani, gli orsi, gli animali della savana. 4-copia

Era quaternaria o neozoica (da circa 2 milioni di anni fa)

Questa è la nostra era, iniziata circa 2 milioni di anni fa con la comparsa dei mammiferi ricoperti di pelo, indispensabile per sopravvivere alle glaciazioni che contraddistinsero la fine dell’era terziaria.

Gli esseri viventi, per sopravvivere, dovettero attrezzarsi per resistere alle condizioni atmosferiche avverse, i corpi si adattarono sviluppando pellicce e strati di grasso sotto la pelle.
Gli uomini approfittarono della glaciazione, che aveva gelato i mari, per attraversare territori in cui non si sarebbero mai potuti muovere, riuscendo a spostarsi e a diffondersi praticamente ovunque.6

mappa-ere-geologiche

Linea del tempo”Le ere geologiche”linea-del-tempo-ere

img_3170img_3166fullsizerender-36copia-di-file_000-139

I dinosauri
flipped classroom

Lanciare la sfida. Il primo passo consiste nel cercare di attivare negli studenti l’interesse, la curiosità riguardo l’ argomento. Questo passaggio è fondamentale perché non c’è apprendimento significativo senza coinvolgimento cognitivo ed emotivo degli allievi.

Compito per casa: cercare dei libri, riviste sui dinosauri.

I libri che i bambini hanno portato a scuola per fare la ricerca

file_001-58file_004-24file_002-42

Condurre la sfida. Generalmente questa fase prevede la produzione di materiali e documenti da parte degli alunni, individualmente o in gruppo, che saranno poi utili nella terza fase. In questa fase il docente assume il ruolo del tutor che assiste ogni alunno in base alle sue specifiche esigenze.

Lavoro a gruppi

Scegli un dinosauro carnivoro e uno erbivoro e completa la scheda

scheda-dinosauri

Esposizione delle ricerche

File_000-133.jpeg

Chiudere la sfida. Nella fase di rielaborazione e valutazione si propone un processo collettivo di riflessione e confronto su quanto appreso condotto dal docente attraverso il coinvolgimento di tutta la classe. L’obiettivo è quello di chiarire, rendere espliciti e consolidare gli apprendimenti partendo dall’analisi dei lavori che gli studenti hanno realizzato nella seconda fase.

Lavoro sul quaderno

File_000-133.jpegFile_001-58.jpeg

File_005-20.jpegFile_006-19.jpegCopia di File_003-25.jpegcopia-di-file_001-58Copia di File_002-42.jpeg

mappa-dinosauri

file_002-46file_001-61file_003-25File_000-139.jpegmappa-dinosauri-png

VERIFICA STORIA

verifica-storia-1verifica-storia-2verifica-storia-3verifica-storia-4

verifica-storia-ere

verifica-storia-ere-personalizzata

6 pensieri su “LE ERE GEOLOGICHE, classe terza. I dinosauri

  1. Maria Russo

    Salve, mi chiamo Maria, girando per trovare del materiale di storia di 3°mi sono trovata in questo luogo meraviglioso.
    Quest’anno per la prima volta insegno storia in una classe terza e ho un p di difficoltà, quindi girovagando qua e là ho trovato molto interessante il suo materiale e credo proprio di visitarla spesso.
    buona giornata e grazie per possibilità di accedere ai suoi lavori.
    Maria

    Liked by 1 persona

    1. Gentile Maria, la ringrazio per le belle parole che sono per me un rinforzo motivazionale importante. Mi farebbe piacere se i lettori potessero trovare nelle pagine del blog delle idee da cui partire per organizzare l’attività didattica nelle loro classi. Alcuni argomenti sono riuscita a svilupparli in maniera più creativa, alcuni meno, qualsiasi suggerimento in merito sarà accolto favorevolmente. Buon lavoro!

      Mi piace

      1. Filena

        Anch’io ho utilizzato il suo lavoro creativo della ruota delle ere per compensare il mio sussidiario che non affrontava l’argomento.
        Poi ho digitalizzato il lavoro ed ho costruito una Uda per lim, che mi è servita per l’esame ECDL,(chissà se lo supererò😔) chiaramente citando tutte le fonti😅. Spero di non aver fatto danni perchè non mi intendo molto di diritti d’autore, proprio per questo ho voluto scriverglielo.
        Comunque vada i bambini erano entusiasti e entusiasmare con la storia non è cosa da poco.
        Grazie ancora Filena.

        Mi piace

      2. Gentile Filena, condivido che non è facile entusiasmare i bambini, che oggigiorno hanno tanti stimoli rispetto al passato, ma “gettare i semi dell’interesse”(Montessori), è fondamentale per farli vivere l’apprendimento come un’esperienza piacevole. In bocca al lupo per l’esame!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...