I paesaggi naturali e antropici, classe seconda

Classe seconda

GeografiaIMG_2880

Traguardi per lo sviluppo di competenze

Riconosce e denomina i principali «oggetti» geografici fisici (fiumi, monti, pianure, coste, colline, laghi, mari, oceani, ecc.).

Si rende conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici e antropici legati da rapporti di connessione e/o di interdipendenza.

Obiettivi di apprendimento

  • Conoscere il territorio circostante attraverso l’approccio percettivo e l’osservazione diretta.
  • Individuare e descrivere gli elementi fisici e antropici che caratterizzano i paesaggi dell’ambiente di vita della propria regione.
  • Comprendere che il territorio è uno spazio organizzato e modificato dalle attività umane.
  • Riconoscere, nel proprio ambiente di vita, le funzioni dei vari spazi e le loro connessioni, gli interventi positivi e negativi dell’uomo e progettare soluzioni, esercitando la cittadinanza attiva.

Discipline coinvolte: italiano, matematica, geografia, arte

Italiano

Poesia di Roberto Piumini
Disegna una linea 

Disegna una linea piatta
e la pianura è fatta.
Disegna una linea molle
ed avrai fatto un colle;
una a forma di ponte
ed avrai fatto un monte.
Ma attento a non sbagliare
perché è piatto anche il mare,
è molle anche la schiena di un cammello
ed è a forma di ponte anche un cappello.
Perciò in pianura mettici le zucche,
nel mare metti un pesce o un pescatore;
sul colle metti un pascolo di mucche,
sopra il cammello metti il cammelliere;
sul monte metti un cervo o uno sciatore,
sotto il cappello un carabiniere.
IMG_2884
IMG_2879

Geografia: L’ambiente intorno a noi

Uscita in cortile per osservare gli elementi naturali e artificiali dell’ambiente e le connessioni tra di essi.

Elementi naturali che i bambini hanno osservato: sassi, alberi, nuvole, polvere, vento, funghi, uccelli, bambini, sole, suolo, erba, formiche.

Elementi artificiali: scuola, chiesa, comune, strada, cancello, auto, parcheggio, gradini, bidone, ringhiera, transenne, finestre, pullman.

IMG_2568IMG_2564IMG_2560IMG_2563IMG_2707

Lavoro di gruppo

Gr. 1 cartellone ambienti naturali

Gr. 2 cartellone ambienti artificiali

IMG_2810

IMG_2807L’ambiente è lo spazio che ci circonda, il luogo in cui viviamo.

Nell’ambiente troviamo acqua, aria, suolo, vegetali, animali.

Elementi naturali ed elementi artificiali o antropici.

Gli elementi naturali comprendono tutto quello che fa parte della natura: mari, monti, fiumi, colline, boschi e anche le piante e gli animali che ci vivono.

IMG_2874 3

Gli elementi artificiali comprendono tutto ciò che è stato costruito dall’uomo: case, strade, ponti, industrie, campi coltivati, ecc..

IMG_2870IMG_2871IMG_2877

Paesaggi naturali e paesaggi antropici

Un paesaggio è un insieme di elementi naturali e antropici caratteristici di un territorio.

Durante la preistoria la componente naturale del paesaggio prevaleva su quella antropica, mentre nei nostri giorni, la componente antropica del paesaggio ha preso il sopravvento su quella naturale.

Sulla Terra ci sono diversi paesaggi.

Un paesaggio naturale è un luogo dove l’uomo non ha costruito (o ha costruito poco): deserto, ghiacciai, alta montagna, foresta tropicale. L’aria, l’acqua, il terreno, le piante e gli animali costituiscono gli elementi naturali del paesaggio. Gli elementi antropici non sono presenti.

Il mare è una grande distesa di acqua salata che copre tre quarti del pianeta. Il vento soffia provocando le onde.

La pianura è un’estensione di terreno pianeggiante, cioè un terreno poco inclinato, situato al livello del mare.

Le colline sono rilievi con le cime arrotondate e versanti di lieve pendenza, di altezza che varia tra 200 e 600m.

Le montagne sono rilievi che superano 600m di altitudine. Sono ricoperte da boschi e pascoli.

Le parole della montagna.

La montagna è un naturale innalzamento del terreno.

Il punto più alto si chiama cima o vetta;

valle-lo spazio tra due montagne;

versante o pendio-è un lato, un fianco di una montagna che scende verso valle;

ghiacciaio-distesa di neve che a causa del freddo diventa ghiaccio;

piede-parte più bassa di una montagna;

passo-il punto di passaggio tra un versante e un altro;

malga-rifugio per pascoli e persone;

catena montuosa-tante montagne, una vicino all’altro;

baita-costruzione in pietra e in legno, tipiche delle regioni montane.

IMG_3596IMG_3594

Le parole della collina

La CIMA è il punto più alto della collina

Il VERSANTE è il ciascun fianco della collina.

Il BOSCO è un insieme di alberi e arbusti selvatici.

L’OLIVETO è un terreno coltivato con ulivi.

Il VIGNETO è in terreno coltivato a vite.

I TERRAZZAMENTI o coltivazione a terrazza,  sono una soluzione adottata in agricoltura per rendere coltivabili territori di particolare e accentuata pendenza.

 

IMG_4119IMG_4171IMG_4173IMG_4172

LA PIANURA

IMG_4694IMG_4643

IMG_3953IMG_3954

verificaIl mare

Il mare è una distesa di acqua salata che copre gran parte della superficie terrestre. Quando gli spazi tra le terre sono molto ampi prende il nome di oceano.

IMG_5163

IMG_5164

IMG_5166

IMG_5172

 

IMG_5196

IMG_5197

Il mare

Le parole del mare

SPIAGGIA: Striscia di sabbia lungo la riva del mare.

COSTA: Zona in cui la terra e il mare si toccano.

ISOLA: Terra circondata dall’acqua.

ARCIPELAGO: Gruppo di isole vicine e con un territorio simile.

GOLFO: ampia e profonda insenatura del mare.

PENISOLA: Zona di terra bagnata dall’acqua su tre lati.

FOCE: Punto di incontro tra un fiume ed il mare.

BAIA: Rientranza della costa, larga al centro e stretta all’imboccatura..

FARAGLIONE: Grande roccia sporgente sul mare.

STRETTO: Tratto di mare che collega due mari più estesi.

ONDA: movimento della superficie del mare creata dai venti che soffiano.

PORTO: Spazio di mare presso la costa, protetto da ripari naturali o artificiali e dotato di convenienti attrezzature per l’attracco, la sosta, dove le navi possono essere ormeggiate per compiere le operazioni d’imbarco e di sbarco, per eventuali riparazioni o per trovare rifugio in caso di tempesta.

ISTMO: Striscia di terra che separa due mari e che congiunge due vaste aree continentali o una penisola al continente.

L’acqua del mare si muove a causa del vento che produce le onde.

Il cartellone del mare

IMG_5297IMG_5293IMG_5289IMG_5304IMG_5300IMG_5301

IL FIUME

Il fiume  è un corso d’acqua dolce alimentato dalle sorgenti, dalle piogge, dagli scioglimenti dei ghiacciai e da altri fiumi, gli affluenti. Il fiume scorre nel suo letto, uno spazio delimitato da due rive, scavato dal fiume stesso. Le ampie curve che il corso d’acqua forma si chiamano anse.

IL LAGO

Il lago è una distesa d’acqua dolce  in un avvallamento del terreno.
E’ delimitato da rive o sponde ed è alimentato da piogge e da fiumi immissari.
img_5976
img_5977 2
img_5974
img_5975
IL PAESAGGIO ANTROPICO

Il paesaggio antropico è un ambiente trasformato dall’uomo per adattarlo alle proprie esigenze (abitare, coltivare, muoversi), dove prevalgono gli elementi artificiali.

Infatti la parola antropico viene dal termine greco antropos che significa uomo.

Alcuni paesaggi sono completamente artificiali, come il paesaggio urbano (lat. urbs-città) o quello industriale, altri conservano molti elementi naturali come il paesaggio agrario.

L’uomo abbatte gli alberi per ricavare la terra per le coltivazioni o per costruire le abitazioni,
scava canali per portare l’acqua nelle città o nei campi, costruisce città, case, strade per poter ripararsi, vivere insieme ai suoi simili e spostarsi con facilità. Un ambiente antropico o antropizzato è un ambiente dove l’uomo ha costruito città, case, ponti, gallerie, strade, ferrovie, porti. In questo modo i paesaggi naturali vengono trasformati in paesaggi antropici.

La città è un paesaggio fortemente antropizzato dove vivono molte persone, ci sono servizi.

Lo sviluppo urbano ha avuto un forte impulso con l’avvento della industrializzazione, circa duecento anni fa, quando un numero enorme di persone si spostò nelle città in cerca di lavoro, soprattutto nelle fabbriche.

Le parole della città: brainstorming

IMG_6129 3IMG_6130IMG_6132

La città

La città è  un ambiente completamente artificiale. E’ formato dal centro storico, quartieri, periferie e zona industriale.

La città offre molti servizi:

  • scuole
  • ospedali
  • musei
  • teatri
  • uffici
  • parcheggi
  • strade
  • tribunali
  • impianti sportivi
  • centri commerciali
  • aeroporto
  • centro storico

IMG_6258IMG_6255IMG_6380 2IMG_6513IMG_6257

Gli spazi sono pubblici e privati.

IMG_6515IMG_6382IMG_6717IMG_6718

 

Gli spazi pubblici sono a disposizione di tutti, mentre gli spazi privati sono abitati da una famiglia.

Gli spazi pubblici hanno funzioni diverse e offrono alle persone servizi per vivere meglio.

Scrivi la funzione dei seguenti spazi pubblici:

biblioteca…………………………………………….

scuola………………………………………………….

ospedale……………………………………………….

stadio…………………………………………………….

supermercato………………………………………

scuole……………………………………………………

stazione………………………………………………..

IMG_6721

Gli spazi della scuola e le funzioni.

La scuola è uno spazio pubblico composto da vari ambienti che hanno diverse funzioni: biblioteca, aula, mensa, palestra.

Elementi fissi e mobili nell’aula

IMG_7406IMG_7402IMG_8010

La scuola è uno spazio pubblico però ci sono delle regole che descrivono il modo in cui bisogno comportarsi per vivere bene.

Lavoro in coppia: le regole della mia classe.

Gli alunni fanno l’elenco delle regole che condivideranno con i compagni di classe. Saranno scritte sul quaderno le regole formulate in modo corretto.

  1. Arrivare in orario a scuola.
  2. Salutare le maestre e i compagni all’entrata e all’uscita nel pomeriggio.
  3. Stare seduti composti.
  4. Ascoltare con attenzione per capire le spiegazioni e le consegne.
  5. Portare con sé l’occorrente richiesto per svolgere le lezioni.
  6. Parlare con un tono di voce basso.
  7. Prendersi cura del proprio materiale.
  8. Tenere in ordine il proprio banco.
  9. Chiedere il permesso per parlare e per alzarsi.
  10. Collaborare con tutti i compagni.
  11. Fare tutti i compiti e consegnarli quando richiesto.
  12. Mantenere pulita la classe.
  13. Durante le ricreazioni rimanere nella parte del cortile assegnata.
  14. Fare dei giochi tranquilli durante le pause.
  15. In mensa usare le posate per mangiare.
  16. Rimanere in fila durante gli spostamenti in mensa, palestra o cortile.

Illustra una regola.

IMG_7395

Autovalutazione

Faccio fatica a rispettare le regole: si no

Voglio aggiungere una nuova regola: si no

Lo spazio privato

Lo spazio in cui vivo con la mia famiglia è la mia casa. Anche nella casa ci sono ambienti diversi, ognuno con una funzione diversa: la cucina, il soggiorno, il bagno, la camera da letto, la mia camera.

IMG_7399

Anche in famiglia per vivere bene, bisogna rispettare delle regole, aiutarsi a vicenda e collaborare.

Scrivi le regole della tua famiglia.

La casa è uno spazio privato composto da altri ambienti con diverse funzioni: camera da letto, soggiorno, cucina, bagno.

 

Completa

Io abito a _________________________ in Via/Piazza ___________________n°

La mia casa si trova __________________________ (indica un edificio o un luogo importante). La mia casa è □ una villa □ un condominio □ una casa a schiera □una fattoria.

Nella mia casa ci sono __________ stanze. Tra tutte le stanze preferisco_______________________________________________

Perché? ________________________________________________________________

Per cosa si usa la stanza che ti piace di più?___________________________________

Quale stanza ti piace di meno? _____________________________________________

Perché? ________________________________________________________________

Mappa paesaggi

IMG_2985IMG_3379

paesaggi

aaaDisegna un paesaggio naturale e un paesaggio antropico

png

L’ambiente è in continua trasformazione per cause naturali (terremoto, eruzione vulcanica, movimenti della crosta terrestre ma anche per l’acqua, vento e gelo) o artificiali (per l’azione umana). Le trasformazioni apportate dall’uomo sono più veloci rispetto a quelle realizzate dalla natura; in virtù dello sviluppo tecnologico, l’uomo è il principale agente modificatore della Terra.

Le previsioni affermano che entro il 2030 circa due terzi dell’umanità vivrà in aree urbane.

 

Ripassiamo

Elementi naturali di un paesaggio sono:

l’aria, l’atmosfera e le condizioni climatiche;

l’acqua, che forma i mari, i fiumi, i laghi, i torrenti;

i rilievi;

la vegetazione;

il suolo e il sottosuolo nella varietà dei suoi componenti: roccia, terra, ghiaia, sabbia, minerali

Elementi antropici sono

L’agricoltura insieme ai fabbricati agricoli;

Il disboscamento che hanno modificato la presenza di varie specie vegetali;

Le opere di arginatura, di irrigazione e di bonifica, che hanno modificato il regime delle acque, trasformando l’habitat naturale;

Le vie di comunicazione, le infrastrutture (strade, ponti, vie, ferrovie, aeroporti, porti);

I centri abitati con costruzioni di ogni tipo, case, chiese, centri commerciali insieme agli elementi architettonici e decorativi;

Le industrie insieme ai fabbricati  industriali;grandi infrastrutture utilizzati per la produzione e il trasporto dei prodotti e delle risorse: oleodotti, elettrodotti, dighe.

E’ importante trovare un giusto equilibrio tra la conservazione del paesaggio e lo sviluppo del territorio facendo appello ad uno “sviluppo ecosostenibile”, che tenga conto dello sviluppo e nello stesso tempo sia compatibile con la sua conservazione.

 

Educazione ambientale attraverso:

  1. Raccolta differenziata a scuola e a casa;
  2. Riciclo creativo;
  3. Riduzione del consumo di carta;
  4. Prestito libri tra i compagni;
  5. Prestito dei libri in Biblioteca;
  6. Risparmiare l’elettricità;
  7. Piedibus;
  8. Uso della bici per andare a scuola e a lavoro;
  9. Evitare gli sprechi in mensa e a casa;
  10. Usare le borracce per non inquinare con la plastica;
  11. Pulire il giardino della scuola;
  12. Orto didattico.

ambiente

GARDNER

“L’INTELLIGENZA NATURALISTICA”

Gardner parla di un’intelligenza naturalistica che si traduce in:

Comunione con la natura

Sensibilità verso flora e fauna

Amore per l’allevamento di animali o coltivazioni di piante

Cura e interazione con le creature viventi

 Apprezzamento dell’impatto della natura su di sè e di sè sulla natura.

 

Rappresenta con un disegno una modalità di proteggere l’ambiente.

Naturale o antropico?

PAESAGGIO URBANO O RURALE?

Memory paesaggi

La città 

I servizi della città

Cruciverba paesaggi

La montagna

maestro Matteo

Grazie per la condivisione!

12 pensieri su “I paesaggi naturali e antropici, classe seconda

  1. m.bizzotto@libero.it

    Maestra Mihaela mi devo complimentare con lei per le risorse preziosissime che attingo dal sito e che corrispondono al mio modo di lavorare. Grazie infinite. Maestra Michela

    "Mi piace"

  2. Elena

    Le devo fare i miei complimenti, i lavori sono completi e di immediata comprensione da parte di tutti i bambini. Grazie per la condivisione su questo sito. Buon lavoro

    "Mi piace"

  3. Antonia

    Buongiorno carissima maestra,mi devo complimentare per la sua professionalità.I suoi lavori sono fantastici e si nota l’amore che trasmette ai suoi alunni.Mi sono di grande aiuto in quanto sto preparando il concorso straordinario.
    La ringrazio di cuore .

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: Bellissima lezione sui paesaggi naturali e artificiali | maestro Matteo

  5. Mirella

    Maestra Mihaela ha svolto un lavoro fantastico!
    Ho trovato molto valido il supporto di immagini, il materiale digitale. Un ottimo spunto per me che sono alle prime armi ed ho tanto da imparare. Grazie per la condivisione.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...