Gli invertebrati, classe quarta

Traguardi per lo sviluppo di competenze

Riconosce le principali caratteristiche e i modi di vivere di organismi animali e vegetali.

L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere.
Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, formula domande, anche sulla base di ipotesi personali, propone e realizza semplici esperimenti.

Espone in forma chiara ciò che ha sperimentato, utilizzando un linguaggio appropriato.

Obiettivi di apprendimento

Riconoscere, attraverso l’esperienza diretta che la vita di ogni organismo è in relazione con altre e differenti forme di vita.
Elaborare i primi elementi di classificazione animale e vegetale sulla base di osservazioni personali.

Obiettivi specifici

Confrontare e classificare gli animali in vertebrati e invertebrati.

Cogliere somiglianze e differenze tra invertebrati e classificarli.

Riflettere sulle catene /reti alimentari e comprendere le relazioni tra viventi e non viventi in un ambiente

(ecosistema).

Osservare e interpretare le trasformazioni ambientali, ivi comprese quelle globali, in particolare quelle conseguenti all’azione modificatrice dell’uomo.

Gli animali

Sono esseri viventi pluricellulari, eterotrofi, capaci di muoversi.

I biologi conoscono un milione e mezzo di specie animali.

Classificazione degli animali

Gli animali possono essere classificati in due grandi gruppi:

vertebrati, animali con colonna vertebrale e scheletro interno;

invertebrati, animali senza colonna vertebrale e senza scheletro interno.

Gli invertebrati

Gli invertebrati hanno popolato il pianeta per primi, circa 400 milioni di anni fa. Vivono in tutti gli ambienti e sono animali eterotermi, detti a sangue freddo, perché la temperatura del loro corpo varia con quella esterna. Costituiscono il 97% delle specie viventi.

Gli scienziati hanno classificato gli invertebrati in 6 gruppi: spugne, celenterati, anellidi, molluschi, artropodi, echinodermi.

I poriferi

https://youtu.be/xWo4A_DzE0E

I poriferi, chiamati anche spugne, sono animali invertebrati acquatici con un corpo semplice, a sacco, ricco di pori e canali attraverso i quali circola l’acqua. Attraverso i pori le spugne respirano e filtrano l’acqua per trattenere gli esseri microscopici di cui si nutrono.

I celenterati

https://youtu.be/m73oc2r0E58

https://youtu.be/_zU1fpBgOIk

I celenterati sono animali acquatici invertebrati, che vivono soprattutto nei mari e negli oceani. Fanno parte dei celenterati i coralli, le idre, le meduse e gli anemoni di mare.

Le meduse e i polipi hanno il corpo molle, a forma di sacco con una sola apertura e con molti tentacoli urticanti che servono per il movimento, per difendersi dai predatori o per attaccare le prede.

I coralli e le madrepore vivono in colonie attaccati ai fondali marini e hanno una struttura esterna rigida. Nelle calde acque tropicali formano le barriere coralline e gli atolli.

Gli echinodermi

https://youtu.be/1V2UcRzVr94

Gli echinodermi sono un gruppo di animali che vivono solo in acqua, caratterizzati da uno scheletro formato da placche calcaree spinose, come il riccio di mare, il cetriolo di mare, la stella marina. Il nome echinoderma significa “pelle spinosa”. Alcuni si spostano per mezzo delle spine, altri con piccole ventose dette pedicelli.

Gli anellidi

https://youtu.be/xVOGKucY0-s

Gli anellidi sono animali invertebrati con corpi molli, lunghi e cilindrici. Il nome anellidi deriva dal fatto che il loro corpo è diviso ad anelli, identici tra loro. Gli anellidi più noti sono i lombrichi, le sanguisughe e le arenicole (o vermi fango).
Questi animali vivono sia in acqua, sia sulla terraferma e si spostano strisciando grazie ad un movimento che è un’onda di contrazione (prima allungamento, poi accorciamento) che parte dal capo e si muove verso la coda.

I molluschi

I molluschi sono animali marini, d’acqua dolce e terrestri, con il corpo molle che, in molte specie, è protetto da una conchiglia.

I molluschi che vivono nell’acqua hanno le branchie, come i pesci, mentre quelli che vivono sulla terra respirano attraverso i polmoni.

https://youtu.be/wI6DT3Ff8ik

Molti molluschi sono commestibili: lumache, polpi, seppie, calamari, cozze, vongole, ostriche.

Il polpo con i suoi 8 tentacoli, ognuno dei quali dotato di due file di potenti ventose, è in grado di catturare e trascinare sul fondo anche i pesci più grossi e resistenti.

Gli artropodi

https://youtu.be/bY33SIuPA9g

Gli artropodi sono animali invertebrati che vivono in tutti gli ambienti. Hanno uno scheletro esterno, detto esoscheletro, che sostiene il corpo e protegge l’animale dai predatori. Hanno anche parti mobili: zampe, antenne, chele.

Sono artropodi gli insetti, i crostacei, gli aracnidi, i miriapodi.

Gli insetti

Gli insetti hanno sei zampe, le antenne e presentano il corpo diviso in tre parti: la testa, il torace e l’addome. Spesso hanno anche le ali. Nella testa sono situati gli occhi, le antenne e la bocca.

Gli insetti sono ovipari, la maggior parte di essi si nutre di vegetali o di animali, oppure sono onnivori.

Alcuni insetti vivono assieme, formando gruppi numerosi e organizzati, chiamati colonie. Le formiche, le termiti e le api sono alcuni di questi insetti, che ricevono il nome di insetti sociali.

I crostacei comprendono diversi animali, come aragoste, gamberi, paguri e granchi. Quasi tutti sono animali acquatici e respirano per mezzo di branchie. Vivono principalmente nel mare, ma ci sono alcune specie che abitano nei fiumi e nelle pozze d’acqua. Hanno 10 zampe, due di queste sono chele che usano per afferrare il cibo.

Gli aracnidi comprendono ragni, acari, zecche e scorpioni.
Tutti quanti hanno otto zampe e dispongono di ghiandole velenose dove producono il veleno che iniettano nelle loro prede. Quasi tutti gli aracnidi vivono sulla terraferma, sono carnivori e si nutrono, principalmente, di insetti. Gli acari succhiano liquidi alle piante e agli animali. Le zecche si nutrono di sangue; sono dotate di piccoli ganci nella bocca che infilano nella pelle delle prede per succhiarne il sangue. Molti ragni fabbricano le tele, trappole per catturare gli insetti di cui si alimentano. Nell’addome, i ragni possiedono una specie di sacchetto, che produce un filo di seta molto resistente. Con questo filo, il ragno costruisce “reti” appiccicose, in cui restano impigliate le mosche e altri insetti.

I miriapodi sono invertebrati terrestri che vivono in luoghi umidi e hanno il corpo allungato con moltissime zampe. Vivono sulla terraferma e si nutrono di vegetali.

La mappa concettuale

mappa realizzata da Edoardo, classe 4^C
mappa realizza da Federico, classe 4^C

Risorse per le lezioni

Completa la tabella

https://drive.google.com/file/d/16h3dlkyfOUA7ve7qKG2JQ3EeIPPIKiNq/view?usp=sharing

Fonte: Eli Publishing

Trova l’intruso

https://drive.google.com/file/d/1P4BiwUAn7D3cC1zHtIHsFzbozaDtQnwn/view?usp=sharing

I ragni più velenosi al mondo

https://www.focusjunior.it/animali/ragni-piu-velenosi-al-mondo/

Domande per lo studio

Come si chiamano gli animali senza scheletro interno?

In quanti e quali gruppi è possibile classificarli?

Quando sono comparsi sulla Terra gli invertebrati?

Quali invertebrati vivono solo in acqua?

Quali invertebrati sono i più diffusi?

Quali invertebrati sono protetti da un rivestimento esterno?

Vero o falso?

Le spugne sono animali che vivono nel mare.

I coralli vivono in colonie.

Alcuni molluschi vivono sulla terraferma.

Gli insetti hanno otto zampe.

Il lombrico è un anellide.

Tutti gli insetti sono animali sociali.

Lavoro sul quaderno

3 pensieri su “Gli invertebrati, classe quarta

  1. Buongiorno Maestra Michaela, trovo le sue lezione splendide e strutturate benissimo, desideravo chiederle, se possibile, che libri di testo adotterà l’anno prossimo. Cordiali saluti Luisa Ardito

Rispondi